Articolo 20 – Commissariamento e scioglimento delle strutture periferiche e territoriali

Articolo 20 – Commissariamento e scioglimento delle strutture periferiche e territoriali

La Direzione Nazionale può, in presenza di gravi motivi e su proposta del Presidente Nazionale, commissariare gli organi periferici elettivi, con contestuale nomina di un Commissario per il tempo necessario, e comunque non oltre un anno, alla ricostituzione dell’organo commissariato.

La Direzione Nazionale delibera i Commissariamenti a maggioranza assoluta dei suoi componenti. Il provvedimento è immediatamente esecutivo. Avverso il provvedimento di commissariamento può essere proposto ricorso, entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione, al Collegio dei Probiviri .

Sono da considerarsi gravi motivi:

a) – mancata nomina degli Organi statutari nei modi e nei tempi previsti dallo Statuto;

b) – mancata indizione del Congresso, e dell’Assemblea nei termini previsti;

c) – inadeguatezza dell’organo a svolgere le funzioni connesse al proprio ruolo;

d) – irregolarità amministrative.

Le procedure di commissariamento sono previste anche in caso di scioglimento, chiusura o sospensione dell’organo periferico con la nomina di un commissario ad acta con il compito di ricostituire l’organo.