Articolo 7 – L’Assemblea Nazionale

Articolo 7 – L’Assemblea Nazionale

L’Assemblea Nazionale è composta dal Presidente Nazionale e da 50 membri eletti dal Congresso Nazionale con metodo proporzionale garantendo la presenza di eventuali minoranze e favorendo l’obiettivo della parità tra i sessi. Ne fanno parte comunque di diritto, con voto consultivo, se non già eletti dal Congresso Nazionale, il vicepresidente vicario, il Tesoriere Nazionale, i Parlamentari, i consiglieri e assessori regionali, i Coordinatori Regionali, i Sindaci iscritti al Partito degli Europei e dei Liberali e i Capigruppo nei Consigli Comunali dei Comuni capoluogo di Provincia e il Responsabile Nazionale dei giovani.

Il Presidente Nazionale può cooptare nell’Assemblea Nazionale, con voto consultivo, fino ad un massimo di 10 esponenti della società civile, espressione del mondo del lavoro, sociale, artistico o sportivo.

L’Assemblea Nazionale è convocata obbligatoriamente almeno due volte l’anno e ogni qualvolta lo richieda il Presidente Nazionale, la Direzione Nazionale o almeno un terzo dei componenti dell’Assemblea Nazionale.

L’Assemblea Nazionale è il massimo organo deliberativo tra un Congresso Nazionale e il successivo; è convocata e presieduta dal Presidente Nazionale.

Il Presidente convoca l’Assemblea Nazionale mediante comunicazione via posta elettronica e/o pubblicazione sul sito internet del Partito, almeno quindici giorni prima, e stabilisce il luogo, la data, l’ora e l’ordine del giorno.

L’ Assemblea Nazionale è validamente costituita, in prima convocazione con la presenza di almeno due terzi degli aventi diritto al voto; in seconda convocazione qualunque sia il numero degli intervenuti. Sia in prima, sia in seconda convocazione le deliberazioni sono validamente adottate a maggioranza dei voti espressi. In caso di parità prevale il voto del Presidente.

Delle riunioni dell’Assemblea Nazionale sarà redatto, su apposito libro, il relativo verbale, che sarà sottoscritto dal Presidente e dal segretario verbalizzante.

Gli avvisi di convocazione dell’Assemblea Nazionale, le relative deliberazioni, i bilanci e/o rendiconti vengono pubblicati nel Sito Internet del Partito.

L’Assemblea Nazionale approva annualmente i bilanci e ha facoltà di avanzare proposte politiche nazionali.

L’Assemblea Nazionale in particolare:

a) – svolge funzioni di coordinamento e di indirizzo della politica nazionale;

b) – può, tra un Congresso e il successivo, modificare ed integrare lo Statuto Nazionale con voto a maggioranza qualificata dei due terzi dei presenti;

c) – stabilisce le forme di aggregazione con altre formazioni politiche, anche di carattere sovranazionale, e su proposta del Presidente Nazionale delibera l’adesione e/o federazione ad altre associazioni e/o organizzazioni nazionali od internazionali;

d) – elegge con metodo proporzionale 15 componenti della Direzione Nazionale;

e) – elegge, su proposta del Presidente Nazionale, il Tesoriere Nazionale;

f) – elegge su proposta del Presidente nazionale il revisore dei conti interno;

g) – elegge i probiviri;

h) – delibera la convocazione del Congresso Nazionale stabilendo luogo, data, ordine del giorno e i necessari regolamenti;

i) – approva entro il 31 dicembre dell’anno precedente il rendiconto preventivo ed entro il 31 maggio di ogni anno, il rendiconto di esercizio e stato patrimoniale, e ne assume la responsabilità;

j) – decide l’eventuale revoca o decadenza del Presidente nazionale con deliberazione adottata a maggioranza dei due terzi.

k) – l’Assemblea Nazionale viene rinnovata ogni tre anni dal Congresso Nazionale.